1. i link ipertestuali e multimediali
  2. i link interni
  3. le immagini in-line
  4. il formato dei caratteri
  5. i titoli
  6. i caratteri speciali
  7. le interruzioni
  8. le liste
  9. il testo preformattato
  10. le citazioni

torna all'indice
a cura di Claudia Ferrari e Giorgio Fontana, ottobre 1995


i segnali obbligatori di carattere generale

Ogni pagina html deve essere corredata da un titolo,
per cui il file deve essere confezionato in questo modo:
          <html>
          <head>
          <title>Titolo della pagina</title>
          </head>
          <body>
          ...
          testo da visualizzare
          ...
          </body>
          </html>
In visualizzazione il titolo diventa il titolo della finestra e viene registrato nella history.

Ma la funzione principale del titolo è quella di consentire di rintracciare la pagina, quindi il titolo deve essere pensato con cura. Vedi netiquette.

Il titolo della pagina non deve essere confuso con gli eventuali titoli contenuti nel testo.
Come definire il tipo di documento.


i link ipertestuali e multimediali

I link sono gli strumenti che consentono di realizzare ipertesti multimediali.

Per predisporre un link occorre:

link esterni

I link esterni sono collegamenti ad altre pagine html o immagini o suoni o animazioni.
Si specificano con il segnale:

<A HREF="URL">stringa</A>

Note.
1. Ricordarsi che sulle macchine UNIX i caratteri maiuscoli e minuscoli sono differenti.
2. A sta per anchor = áncora.

link interni

Sono links a un punto della stessa pagina HTML e si indica:

<A HREF="#nome">stringa</A>

Il nome dovrà essere definito all'interno dello stesso documento con
<A NAME="nome">

link a un punto interno di un'altra pagina

<A HREF="URL#nome">stringa</A>


le immagini in-line

Per inserire una immagine nel testo è sufficente inserire il segnale:

<IMG SRC="URL">

Il file richiamato deve essere di tipo GIF o JPG.

Esempio: <IMG SRC="images/trivelle.gif"> produce

opzione ALIGN

<IMG SRC="images/trivelle.gif" ALIGN=BOTTOM> produce
<IMG SRC="images/trivelle.gif" ALIGN=MIDDLE> produce
<IMG SRC="images/trivelle.gif" ALIGN=TOP> produce (default)
Altre opzioni per l'attributo ALIGN

opzione ALT

specifica la stringa da visualizzare in luogo dell'immagine su una periferica non grafica.
Esempio: <IMG SRC="images/trivelle.gif" ALT="stemma della citta' di Modena">

opzione WIDTH=mmm HEIGHT=nnn (HTML 3)

visualizza l'immagine con dimensioni diverse da quelle proprie.
Esempio:
<IMG SRC="images/trivelle.gif" WIDTH=100 HEIGHT=100> produce
<IMG SRC="images/trivelle.gif" WIDTH=20 HEIGHT=20> produce

opzione ISMAP

Specifica che l'immagine è una mappa sensitiva.


il formato dei caratteri

<B>...</B> Bold
<I>...</I> Italic
<U>...</U> Sottolineato
<tt>...</tt> Fixed

<em>...</em> Emphasis
<strong>...</strong> Strong
<code>...</code> Code
<samp>...</samp> Sample
<kbd>...</kbd> Keyboard
<var>...</var> Variable
<dfn>...</dfn> defining instance of a term
<cite>...</cite> Cite
Vediamone altri


i titoli

<H1>titolo</H1>

titolo H1

titolo H2

titolo H3

titolo H4

titolo H5
titolo H6


i caratteri speciali

i caratteri con accenti (cosiddetti latini)

à si ottiene con &agrave;
À si ottiene con &Agrave;
é si ottiene con &eacute;
è si ottiene con &egrave;
ecc. e anche
Ñ si ottiene con &Ntilde;
ñ si ottiene con &ntilde;
ç si ottiene con &ccedil;

altri caratteri speciali

© si ottiene con &copy;
® si ottiene con &reg;
§ si ottiene con &sect;
€ si ottiene con &euro;
£ si ottiene con &pound;
¥ si ottiene con &yen;

per i matematici: lettere greche e simboli

i caratteri dei segnali (riservati per HTML)

& si ottiene con &amp;
< si ottiene con &lt;
> si ottiene con &gt;
" si ottiene con &quot;
spazio si ottiene con &nbsp; (non breakable space)

tutti i caratteri ASCII

si ottengono con &#nnn;
 20- 29 
 30- 39  !"#$%&'
 40- 49 ()*+,-./01
 50- 59 23456789:;
 60- 69 <=>?@ABCDE
 70- 79 FGHIJKLMNO
 80- 89 PQRSTUVWXY
 90- 99 Z[\]^_`abc
100-109 defghijklm
110-119 nopqrstuvw
120-129 xyz{|}~€
130-139 ‚ƒ„…†‡ˆ‰Š‹
140-149 ŒŽ‘’“”• 
150-159 –—˜™š›œžŸ
160-169  ¡¢£¤¥¦§¨©
170-179 ª«¬­®¯°±²³
180-189 ´µ¶·¸¹º»¼½
190-199 ¾¿ÀÁÂÃÄÅÆÇ
200-209 ÈÉÊËÌÍÎÏÐÑ 
210-219 ÒÓÔÕÖ×ØÙÚÛ
220-229 ÜÝÞßàáâãäå
230-239 æçèéêëìíîï 
240-249 ðñòóôõö÷øù
250-259 úûüýþ


le interruzioni

interruzione di riga: <BR>
inizio di un nuovo paragrafo: <P>
riga orizzontale: <HR> produce
<HR SIZE=10> produce
<HR WIDTH=50%> produce
<HR WIDTH=100> produce
<HR WIDTH=50% ALIGN=LEFT (default),CENTER, RIGHT> produce (rispettivamente)



Un ulteriore attributo per HR


le liste

la lista puntata

<UL>
<LI>uno ...
<LI>due ...
<LI>tre ...
</UL>

produce

Consulta i nuovi formati delle liste

la lista numerata

<OL>
<LI>Quando arrivi alla stazione, esci dalla porta sud, sul binario 1.
<LI>Gira a destra verso le montagne.
<LI>Cammina un kilometro fino al Bar Sport.
<LI>Aspetta e tieni gli occhi aperti...
</OL>

produce

  1. Quando arrivi alla stazione, esci dalla porta sud, sul binario 1.
  2. Gira a destra verso le montagne.
  3. Cammina un kilometro fino al Bar Sport.
  4. Aspetta e tieni gli occhi aperti...
Consulta i nuovi formati delle liste

il menu

<MENU>
<LI>uno
<LI>due
<LI>tre
</MENU>

produce

  • uno
  • due
  • tre
  • gli elenchi di elementi brevi

    <DIR><LI>A-H<LI>I-M<LI>S-Z
    </DIR>

    produce

  • A-H
  • I-M
  • N-R
  • S-Z
  • il glossario

    <DL>
    <DT>termine1<DD>definizione
    <DT>termine2<DD>definizione
    </DL>

    produce

    termine1
    definizione
    termine2
    definizione


    il testo preformattato

    Se si dispone di testo incolonnato e lo si vuole mantenere tale, occorre utilizzare un font non proporzionale.

    <PRE>testo preformmattato</PRE>

    produce:

    testo preformattato     6   7
        o semplicemente     7  14
               tabulato    18   2
    


    le citazioni

    Il testo viene indentato e centrato.

    <BLOCKQUOTE>Se può accadere qualcosa di peggio, accadrà.</BLOCKQUOTE>

    produce

    Se può accadere qualcosa di peggio, accadrà.


    le proprietà dell'intero documento

    <ADDRESS>...</ADDRESS>

    specifica informazioni sull'autore.
    Non sempre viene visualizzato.

    Segnali non più in uso

    <ISINDEX>

    specifica che la pagina risiede su un server che consente le ricerche per parole chiave.
    Il browser apre una finestra in cui è possibile scrivere.
    Purtroppo aggiunge indicazioni in inglese.

    <BASE>

    fornisce un indirizzo di base per interpretare gli URL relativi quando il documento è letto fuori dal suo contesto.
    HREF deve essere un URL assoluto.

    <NEXTID>
    <XMP>
    <LIST>


    freccia torna alla pagina principale

    a cura di Claudia Ferrari e Giorgio Fontana, ottobre 1995